mercoledì 2 febbraio 2011

Android or: How I Learned to Stop Using Nokia and Love Smartphones

Venerdì scorso, a causa di un malaugurato e ancora misterioso incidente che ne ha disintegrato il display, il mio vecchio e glorioso Nokia 3600 slide è stato costretto ad un prepensionamento forzato. Avevo già in mente, quando il 3600 fosse arrivato alla sua fine naturale, di tradire Nokia* per uno smartphone Android, quindi mi sono messo rapidamente in caccia di un aggeggio che con un costo equo mi permettesse di provare il robottino verde. Mi sono orientato sull'LG Optimus GT540, che all'accettabilissimo prezzo di 169 Euri (esattamente quanto avevo pagato il 3600 nel 2008) offre tutto quello che stavo cercando: una buona fotocamera da 3 MP, Wi-fi, GPS, radio FM con RDS e tutto il resto del pacchetto Android. Non voglio scendere nel tecnico, sia perchè non ne ho le competenze, sia perchè rischierei di risultare noioso (più di quanto già sia, intendo), ma è bastata mezza giornata di uso per trasformarmi in un convertito. L'Optimus che ho comprato ha sicuramente dei limiti: il display, anche se di buona sensibilità, non può competere con quello di un iPhone; la fotocamera non ha il flash, e 3 MP cominciano a essere appena accettabili anche per un cellulare**; alcune opzioni di configurazione potrebbero essere più immediate; non sono ancora riuscito a capire come funziona il GPS; però per 169 Euri è sicuramente un ottimo acquisto. E poi, a differenza di iPhone, è un telefono che dà l'impressione di essere di proprietà dell'utente, e non solo in comodato d'uso: la batteria si può sostituire; ci si può collegare via Bluetooth a qualunque dispositivo compatibile e non solo ad un altro iPhone; si possono installare apps anche da terze parti e non solo dal (pur fornitissimo) Android Market. Insomma, è uno smartphone aperto, esattamente come è aperto il suo SO. Intendiamoci, secondo me iPhone è il tecnoaggeggio più rivoluzionario degli ultimi anni (molto più dell'iPod o dell'iPad), e anche se mi è capitato solo di provarne un paio di proprietà di amici (ehm...) mi è enormemente piaciuto; tuttavia la filosofia open source che sta dietro Android mi piace decisamente di più dell'hortus conclusus di Apple, e visto che l'esperienza d'uso mi sembra almeno paragonabile, la scelta è facile. E mi dispiace per Nokia, ma ho l'impressione che se non mollerà a breve Symbian, non andrà lontano. La differenza con iOS e Android è imbarazzante.
E poi, cosa che a quanto pare ultimamente non è così scontata, il mio misero LG da 170 Euri telefona anche meglio di un iPhone che costa tre volte tanto.

Ah, mi sembra superfluo aggiungere che nè LG, nè Nokia, nè Apple mi hanno mai dato un centesimo o un telefono da provare.

* Parlo di tradimento perchè chi mi conosce sa che sono sempre stato un integralista della casa finlandese: i 5 cellulari che ho posseduto finora (il mitico 3210, 3310, 3510, 6610i e, appunto, 3600 slide) venivano tutti da Espoo, e a testimonianza della loro ottima qualità, sono ancora tutti (a parte l'ultimo) perfettamente funzionanti.
** Lo so, è paradossale: solo 10 anni fa era la Canon EOS D30 ad avere un sensore da 3MP, e oggi sono appena sufficienti per un cellulare

Nessun commento:

Posta un commento